I “falsi amici”

I “falsi amici” tra il francese e l’italiano, ovvero quei vocaboli che assomigliano a vocaboli dell’altra lingua, ma che hanno un significato completamente diverso, sono numerosi. Anche se può essere molto divertente scoprire da soli la differenza di significato parlando con un francese, Scappo In Francia vi presenta alcuni di questi “falsi amici” 😉

P1020705_MAvant – significa “prima”, non “avanti”!

Âne – significa “asino”, a cosa stavate pensando??

Cantine – è la “mensa”, non la “cantina”!

Confetti – anche se si scrive come in italiano, non significa “confetti”, ma  “coriandoli”!

Machine – vuol dire effettivamente “macchina”, ma nel senso generico! Per “automobile” si usa voiture.

Costume – lo si mette generalmente per le occasioni, non si tratta quindi del “costume da bagno”; ma del “completo maschile”.

Facteur – suona sempre due volte, non è quindi il “fattore” della fattoria, ma il “postino”!

Fermer – è il verbo “chiudere”, “fermare” si dice arrêter.

Nonne – non dovete chiamare così vostra nonna, a meno che non si sia fatta “monaca”!

Salir – non è la traduzione di “salire”, ma di “sporcare”!

Baiser – anticamente significava effettivamente “baciare”, nel francese moderno ha un altro significato 😉 , in ogni caso se volete “baciare” qualcuno è meglio dire embrasser.

Bougie – non è affatto una “bugia”, ma una “candela”.

Gueule – indica il “muso” degli animali, mentre “gola” si dice gorge.

Rumeur – non è un “rumore”, ma bensì una “voce di corridoio”.

Finalement – in francese vuol dire “infine” o “alla fine”, secondo il contesto.

Enfin – è l’equivalente del “finalmente” italiano.

Déjeuner – non significa “digiunare”, ma proprio il contrario, “pranzare”!

Bonus

Chier – sentendolo dire, un italiano potrebbe scambiarlo per il verbo “sciare”, ma non è proprio così…